Arriva la primavera a Napoli

Il punto di partenza per un itinerario indimenticabile è il Romeo Hotel, il cinque stelle di design pronto ad accogliere i suoi ospiti e a rigenerarli con una serie di proposte indimenticabili di cui beneficiare dopo aver trascorso la giornata alla scoperta della città… are you ready?

Per un’esperienza carica di adrenalina, Funimondo Urban Park – il parco avventura di nuova concezione-  propone  una serie di percorsi acrobatici e arrampicate per grandi e piccoli, con attrezzature adeguate e il supporto costante di esperti istruttori.

Come, ad esempio, il Parco Acrobatico Urbano che prevede, tra le altre cose, un nuovo percorso e una torre d’arrampicata su più lati, di ben 8 metri d’altezza! Cosa aspettate a lasciarvi catturare dall’avventura e dal divertimento all’aria aperta in totale sicurezza?

Un occhio alla terra ma uno alle stelle all’interno del nuovo grande planetario 3D più grande d’ Europa appena inaugurato la cui cupola – del diametro di 20 metri- diventa l’accesso privilegiato per partire alla scoperta dell’universo, in un’esperienza emozionante e assolutamente travolgente.

Per allettare la mente – senza dimenticare il corpo- impossibile non programmare un tour al primo grande Museo interattivo europeo sul Corpo Umano, Corporea, alla Città della Scienza. Una struttura di oltre 5 mila mq progettata dall’architetto Massimo Pica Ciamarra con isole tematiche, esposizioni, micro installazioni e postazioni interattive: un contenitore di sapere unico in Europa per fare un viaggio alla scoperta del corpo umano.

Last but not least, dal 25 marzo al 30 aprile, torna l’attesissima Fiera di Pasqua  ai Decumani, con uno dei più caratteristici percorsi artigianali al mondo attraverso le botteghe di San Gregorio Armeno che esporranno prodotti dedicati alle varie fasi della passione di Cristo. Non mancherà anche un tour enogastronomico tipicamente napoletano, tra trattorie, pizzerie e pasticcerie presenti nell’area che, nel periodo pasquale, mostreranno il meglio dell’enogastronomia napoletana e campana.

SOCIAL MEDIA

Connect with us
About the author